Progetto

progetto: PNRA16_00065

   
acronimo
responsabile SILVIA BECAGLI
ente di appartenenza
descrizione
Questo progetto si pone l�obiettivo di migliorare la conoscenza sulle interazioni oceano-atmosfera ed in particolare allo studio delle connessioni tra produzione primaria oceanica composti in fase gassosa e particolata in atmosfera derivanti dall'attivit� biogenica. Per la prima volta, in questo progetto si combinano misure effettuate contemporaneamente di composti in atmosfera campionati alla base italiana �Mario Zucchelli� a Baia Terra Nova (MZS) con misure in mare e dati satellitari di Chl-a e produzione primaria (PP). Particolare attenzione sar� dedicata al miglioramento dei modelli per il calcolo della produttivit� primaria sia PhytoVFP (Variable Fluorescence fitoplancton Production) alimentati da misure in mare che bio-ottici alimentati con dati satellitari. Le concentrazioni dei prodotti secondari derivanti dall�attivit� biogenica marina (MSA e nssSO42- ) saranno determinate a risoluzione almeno giornaliera in due campagne di campionamento estive a MZS, e le loro concentrazioni atmosferica saranno confrontate con la concentrazione dei loro precursori gassosi (DMS e DMSO), intensit� e direzione del vento, percorsi e processi di trasporto dalle aree sorgente al sito di campionamento, allo scopo di comprendere il ruolo dei processi atmosferici (tra cui l'ossidazione fotochimica) sulla concentrazione di MSA. Le concentrazioni delle specie in atmosfera (DMS, DMSO, MSA, zuccheri, aminoacidi e metossifenoli) saranno messe in relazione con i parametri oceanici (Chl e PP), tale correlazione sar� interpretata in funzione della popolazione di alghe e phytoplankton (composizione tassonomica e stato fisiologico), variazioni nell�estensione del ghiaccio marino e sue dinamiche e l'effetto dell�estensione dell�area della polynya presente nel Mare di Ross. Comprendere e quantificare la correlazione tra MSA e PP � di rilevante importanza negli studi sulle variazioni climatiche e ambientali ed in particolare nelle regioni polare, infatti le stratigrafie di MSA dalle carote di ghiaccio potrebbero essere interpretate in funzione della variazione di produttivit� primaria oceanica (con i conseguenti effetti sull� assorbimento di CO2 dall'atmosfera) e la variazione delle dinamiche di ghiaccio marino che a loro volta influenzano la produttivit� primaria.